Dopo 5 anni di attività, arriva al termine il progetto Feed a Gene, progetto europeo finanziato da Horizon 2020 che ha visto il Gran Suino Italiano come suo unico partecipante italiano.

Il progetto Feed-a-Gene si è proposto di adattare i metodi di allevamento di animali monogastrici (suini, conigli e polli) per aumentarne l’efficienza, ridurne l’impatto ambientale e migliorare la sicurezza alimentare in  merito ai prodotti derivati da questa tipologia di allevamenti. Il progetto vede l’adesione di ben 23 partner provenienti da 8 paesi dell’Unione Europea e dalla Cina. L’OI Gran Suino Italiano è l’unico partner e rappresentante della realtà suinicola italiana del progetto.

Tra gli obiettivi che su cui il progetto pone l’attenzione troviamo:

  • Nuovi alimenti e metodi di alimentazione alternativi per migliorare l’utilizzo di prodotti locali, delle biomasse e dei carburanti dai sottoprodotti;
  • Metodi per la caratterizzazione in tempo reale dei valori nutrizionali degli alimenti;
  • Nuovi tratti legati all’efficienza alimentare e alla robustezza;
  • Modelli di allevamento in grado di prevedere l’utilizzo di nutrienti e di energia;
  • Nuovi modelli gestionali per l’alimentazione di precisione e l’agricltura di precisione;
  • Valutazione della sostenibilità di questi modelli;

L’evento conclusiov si terrà a Rennes presso l’Hotel Metropole il 22 ed 23 Gennaio p.v. con lo scopo di riassumere le attività svolte negli ultimi 5 anni, gli obiettivi raggiunti e quale futuro verrà riservato al settore zootecnico.

 

1 dicembre 2019

Pubblicato In: Attività, News